SIBE, Società Italiana di Biologia Evoluzionistica - ISEB, Italian Society for Evolutionary Biology
Top

Pillola di Evoluzione

17 agosto 2020
A cura di Lisa Locatello. Revisione a cura del direttivo SIBE.


La scelta femminile è ampiamente riconosciuta come un meccanismo cruciale nel guidare l’evoluzione dell’incredibile varietà dei tratti maschili che osserviamo in natura. Tuttavia, non si conosce ancora molto su quali siano i processi cognitivi e decisionali che la governano.

I modelli teorici sulla scelta femminile si sono tradizionalmente basati sulle teorie economiche della decisione. Queste teorie prevedono che una scelta razionale debba portare alla massima utilità in termini di benefici economici o di soddisfazione, seguendo le regole della transitività (se A > B e B > C, allora A > C) e della regolarità (se A > B in assenza di C, allora A > B anche in presenza di C). La conformità a queste regole implica, più semplicemente, che una decisione rimanga consistente in contesti diversi. Secondo questi presupposti ci si attende che la femmina scelga il partner più attraente che supera un minimo livello soglia di attrattività e che questa scelta non sia influenzata da nuove alternative [1].
Tuttavia, violazioni a questi assiomi di razionalità economica, sono molto comuni. Un esempio di violazione della regolarità nel campo umano del marketing è il cosiddetto “effetto decoy”, o effetto esca [2]. Davanti alla scelta tra un prodotto costoso ed efficiente (A) ed un altro prodotto meno efficiente ma anche meno costoso (B), un acquirente potrebbe preferire quest’ultima opzione. Eppure, nel momento in cui il venditore introduce una terza possibilità, un prodotto efficiente ma molto più costoso dei primi due (C), l’acquirente si sposta a favore dell’opzione A, più efficiente di B, sebbene più costosa, ma certamente molto meno costosa di C.
Evidenze di un “effetto decoy” sono emerse anche per quanto riguarda la scelta femminile in alcune specie animali. Nella rana túngara (Physalaemus pustulosus) (Figura 1a), ad esempio, le femmine sono attratte maggiormente da canti maschili a più bassa frequenza e più lunga durata (qualità acustica), ma anche da canti ripetuti ad un ritmo più veloce. In una scelta binaria le femmine preferiscono il ritmo più veloce del canto rispetto alla sua qualità acustica, ma questa preferenza si inverte con l’aggiunta di una terza opzione, un decoy di buona qualità acustica ma dal canto significativamente meno ritmato rispetto ad entrambe le scelte iniziali (Figura 1b) [3].




Figura 1. a) Maschio di rana túngara che emette richiami di corteggiamento; b) inversione della preferenza della femmina in presenza di un decoy (immagine modificata da Lea & Ryan 2015)



L’attrattività del partner non è assoluta ma dipende dal contesto, in relazione agli altri maschi presenti (Figura 2), e la preferenza della femmina cambia al variare del contesto.



Figura 2. Esempio di valutazione comparativa nella percezione visiva. I pavoni centrali nei due gruppi hanno le stesse dimensioni, ma sono percepiti diversamente a seconda delle dimensioni dei pavoni che li circondano (immagine tratta da Bateson & Healy 2005).


La valutazione comparativa, che a volte può anche risultare in scelte apparentemente non ottimali, è vantaggiosa in contesti sociali complessi e dinamici, come i “lek” (arene di corteggiamento), in cui le femmine si trovano di fronte a molti potenziali partner che spesso esibiscono diversi tratti da valutare contemporaneamente. In queste circostanze una valutazione razionale e assoluta richiederebbe molto più tempo ed energie, con il rischio di esporsi maggiormente ai predatori, oltre che di perdere preziose opportunità di accoppiamento [1].



LETTERATURA CITATA:
[1] Bateson M & Healy SD (2005) Comparative evaluation and its implications for mate choice. Trends in Ecology & Evolution, 20 (12), 659-664. [2] Tsetsos K, Usher M, Chater N (2010) Preference reversal in multiattribute choice. Psychological Review, 117, 1275–1293. [3] Lea AM & Ryan MJ (2015) Irrationality in mate choice revealed by túngara frogs. Science, 349, 964e966.
 


Torna alla lista