SIBE, Società Italiana di Biologia Evoluzionistica - ISEB, Italian Society for Evolutionary Biology
Top

Storia della SIBE

La SIBE si propone di rafforzare i legami scientifici tra i biologi evoluzionisti italiani attivi in tutto il mondo e di promuovere a tutti i livelli la diffusione delle conoscenze relative all’evoluzione biologica. Quest’ultima motivazione è fondamentale in questo momento storico, visto che nel nostro Paese, come negli Stati Uniti, si assiste a tentativi di screditare agli occhi dell’opinione pubblica, con argomenti inconsistenti, la validità dell’evoluzionismo. La società è aperta non solo a chi si occupa professionalmente di biologia evoluzionistica ma a tutti gli interessati, con un’attenzione particolare per il mondo della scuola dove l’insegnamento dell’evoluzione è stato fortemente ridimensionato nei libri di testo e nei programmi.

Per molti anni alcune persone interessate all’evoluzione si sono trovate, con cadenza biennale, in riunioni informali, tenute ogni volta in una sede diversa in Italia. Nel corso di una di queste riunioni è apparsa la necessità di trasformare il gruppo spontaneo in un’istituzione più formale, ed è stato indetto il Primo Congresso dei Biologi Evoluzionisti Italiani, che ha riunito all’Università di Ferrara dal 24 al 26 agosto 2005 quasi duecento ricercatori provenienti da diversi paesi: Al termine di esso, un’assemblea costituente ha fondato una nuova Società scientifica: la SIBE, Società Italiana di Biologia Evoluzionistica.

L'assemblea costituente ha approvato lo statuto della società, e ha eletto un Consiglio Direttivo che resterà in carica per un anno. La società si è costituita legalmente con atto notarile il 15 settembre 2005 ed è stato redatto il regolamento ai fini dell'iscrizione. L'assemblea dei soci, nel 2006, elesse il nuovo Consiglio Direttivo (che resta in carica per due anni). Il primo congresso ha confermato che vari settori delle discipline evoluzionistiche si mantengono a livelli di eccellenza in Italia, nonostante la scarsità di investimenti che ha portato, fra tante altre conseguenze negative, ad una preoccupante fuga di cervelli verso istituzioni estere più ricche e meglio organizzate.

Nel 2006 la SIBE ha tradotto e distribuito il documento Evolution, Science and Society redatto dalle principali società scientifiche americane.
Nel 2007 la SIBE ha stipulato un protocollo di intesa con ANMS (Associazione Nazionali Musei Scientifici) e Pikaia (Portale dell’Evoluzione) per la divulgazione della biologia evoluzionistica.

Nel 2011, alcuni membri SIBE si sono ritrovati per scrivere il primo testo italiano di Biologia Evoluzionistica: 'Evoluzione. Modelli e Processi', curato da Marco Ferraguti and Carla Castellacci.

La SIBE partecipa regolarmente all’organizzazione di seminari, conferenze e workshop di tipo divulgativo in diverse città italiane (per esempio, Darwin Day, giornate con la scuola, ecc.). La SIBE fa parte della FISV (Federazione Italiana di Scienze della Vita) e partecipa regolarmente ai suoi congressi